Il videoclip di “Adesso con chi stai?”

adesso con chi stai

Esce il videoclip di “Adesso con chi stai?”, primo singolo estratto da “Convergenze”, progetto discografico di Samaritano che rinnova e rigenera in chiave pop-jazz brani che hanno fatto la storia della canzone d’autore italiana e che ospita le voci di:

 Nino Buonocore, Bungaro, Mariella Nava, Pierdavide Carone, Vittorio De Scalzi dei New Trolls, Gianni Donzelli degli Audio2, Mimmo Cavallo, Lello Analfino dei Tinturia, Rosario Di Bella, Cirrone.

La memoria, la rievocazione nostalgica di un passato, di un atteggiamento verso la vita che non c’è più e che si vorrebbe che tornasse.

Sono questi gli ingredienti principali del videoclip scritto e diretto da Roberto Mezzatesta (da un’idea di Salvatore Samaritano e Sonia Bua) e realizzato dallo Studio Fabio Riccobono: “il protagonista è un uomo seduto alla scrivania di casa, tra un caffè e i files di lavoro sul portatile, sfogliati con noia racconta Samaritano -. Nella stessa stanza irrompe un mimo, un clown muto, ad incarnare la bellezza senza voce dei ricordi, le immagini e i movimenti del passato che si materializzano dapprima fuori da una vecchia valigia poggiata sul tavolo dell’inconscio, ricordi non percepiti, non visti dal protagonista ma in qualche modo già presenti e pronti ad affiorare. E non visto è anche il clown, rappresentazione di quel sé profondo che vorrebbe in tutti i modi tornare alla luce, e che fa di tutto per farsi notare. E così i ricordi escono da una valigia e si presentano; capriole, oggetti, suoni e rumori sempre più invadenti sembrano non avere nessun effetto sul protagonista, e invece…”

 

Il singolo, attualmente in rotazione radiofonica e disponibile in digitale è tratto dal nuovo album “Convergenze” (in uscita per la fine del 2021) nuovo progetto discografico, co-prodotto artisticamente con Roberto Mezzatesta (piano, tastiere, synth e arrangiamenti) in cui Samaritano (voce) rinnova e rigenera in chiave pop-jazz brani che hanno fatto la storia della canzone d’autore italiana, duettando con Mario Venuti, Nino Buonocore, Bungaro, Mariella Nava, Pierdavide Carone, Vittorio De Scalzi dei New Trolls, Gianni Donzelli degli Audio2, Mimmo Cavallo, Lello Analfino dei Tinturia, Rosario Di Bella, Cirrone.

 

“L’intento è stato quello di rendere un autentico omaggio agli autori di brani storici e di rinnovarne la bellezza intrinseca, conservandone l’essenza racconta l’artista siciliano -. Mario Venutiautore di “Adesso con chi stai?”, pubblicato nell’album “Mai come ieri” del 1998 – è stato il primo a lasciarsi “contaminare” e il suo commento dopo l’ascolto della demo è stato che in questa chiave non l’aveva mai pensata”.

L’album sarà composto da 12 brani, di cui sette cantanti in duo con l’autore originale. Ecco la tracklist completa: Caffè nero bollente (con Mimmo Cavallo), Felicità (con Pierdavide Carone), Rosanna (con Nino Buonocore), 29 settembre (con Gianni Donzelli degli Audio 2), A chi mi sa dare musica (con Lello Analfino Tinturia), Adesso con chi stai? (con Mario Venuti), Solo un gigolò (con Cirrone), Il gioco delle parti (con Mariella Nava), La casa del pazzo (con Rosario Di Bella), Guardastelle (con Bungaro), Lontano Lontano (con Vittorio De Scalzi New Trolls), Guarda che luna (Ruggero Mascellino). Al disco hanno partecipato i musicisti: Antonio Anastasi (batteria), Fulvio Buccafusco (basso e contrabbasso), Orazio Maugeri, sax tenore, sax soprano; Alessandra Fenech, violino; Alessandro Presti, tromba; Emilio Garofalo, chitarra acustica; Ruggiero Mascellino, fisarmonica; Riccardo Botta, viola; Alessandro Bavetta, violino; James Hutchings, violino.

Videoclip “La Giostra” di Sabù Alaimo

Oggi, Venerdì 19 Febbraio esce su YouTube il videoclip di Sabù Alaimo, “La giostra”.

“L’idea del videoclip, girato interamente a Palermo da Serafino Randazzo (Serafilms) nasce appunto dal dualismo di queste diverse personalità, due antagonisti che si muovono seguendo le proprie ragioni, e in questa follia io sono lo sguardo lucido che cerca di mettere un po’ di ordine. Ho cercato di interpretare un dissidio personale e collettivo, perché credo che ognuno di noi viva, in qualche modo, dei contrasti interiori, che in fondo sono quelle emozioni che ci tengono svegli”spiega Sabù.

Il brano ha un sound intimo e coinvolgente che trasporta l’ascoltatore dentro il “girone” delle pulsioni umane. “La Giostra” mette in luce pensieri e resoconti di vita.

Nel brano l’autore evidenzia (dal suo punto di vista) come questa si “muova” (come una giostra) condizionata dall’energia del dolore e dell’amore, due aspetti diversi tra loro, due punti cardini opposti ,ma legati in modo indissolubile.

La Giostra | Il nuovo singolo di Sabù Alaimo

Esce oggi in digitale e in radio “La giostra” il nuovo singolo del cantautore siciliano Sabù Alaimo.

Un sound intimo e coinvolgente che trasporta l’ascoltatore dentro il “girone” delle pulsioni umane.

“La Giostra” mette in luce pensieri e resoconti di vita. Nel brano l’autore evidenzia (dal suo punto di vista) come questa si “muova” (come una giostra) condizionata dall’energia del dolore e dell’amore, due aspetti diversi tra loro, due punti cardini opposti, ma legati in modo indissolubile.

Salvatore Alaimo, in arte Sabù Alaimo, frequenta il Brass Group di Palermo (rinomata scuola musicale)  e integra allo studio incontri formativi con autori influenti nella scena nazionale.

Comincia a muovere i primi passi tra varie band cittadine interpretando il rock italiano. Partecipa a molte manifestazioni musicali tra cui il Premio della musica italiana (Radio Italia). Dopo varie esperienze come autore ,nel 2008, con la supervisione artistica di Riccardo Piparo (TI.PI.CAL), produce (assieme la band “Sabù e La Vigilia”) l’album “Schemi”.

“Cosa Resta”, primo singolo dell’album, viene trasmesso in diverse radio  locali e nazionali , questo permette al quartetto di intraprende un tour in giro per la Sicilia.

Nel 2009, la band, con il brano “Meglio di Così”, entra a far parte della compilation (prodotta da Edel) “Sanremo Web”,dove vengono raccolte le migliori canzoni dell’omonimo concorso indetto dall’organizzazione del Festival di Sanremo. Nel 2010 la band è ospite in una tappa di RTL (MTV). Nel 2011 Sabù collabora alla scrittura del brano “L’illusione” che vince il premio R.E.A. Radio e televisioni associate.

Nel 2013  il progetto da band si trasforma in solista e viene pubblicato l’album “Logica Egoistica” dal quale segue il relativo tour . Nel 2014 realizza un nuovo singolo (con la produzione artistica di Stefano Clessi-Eclectic Music) dal titolo “Petrolio”, con il quale Sabù arriva tra i 60 finalisti di Sanremo nuove proposte 2014. Nell’inverno dello stesso anno apre dei concerti di Luca Carboni. Il 23  giugno 2017 pubblica un singolo per il web dal titolo “Stiamo Dormendo” da cui segue un tour estivo. Nel giugno dello stesso anno è tra i 18 autori nazionali (unico siciliano) selezionati da Sony/Atv, uno stage formativo (in occasione di Medimex 2017 Bari) che riunisce autori,artisti e produttori, tra i presenti Lorenzo Fragola, Samuel (Subsonica), Colapesce, Giorgio Poi, Giuseppe Anastasi, Gianni Pollex, Danti e altri. Il 27 novembre dello stesso anno esce il nuovo album “Generazione Digitale”, il primo singolo estratto dall’album è “Il Viaggio”.

Nella primavera del 2018 è tra i finalisti (con il singolo “Stiamo Dormendo) di “1 Maggio Next”, concorso che dà accesso all’esibizione del concerto del primo maggio in piazza San Giovanni a Roma. Il 6 luglio 2018 esce il singolo (estratto dallo stesso album) “Sicilia Innocente”, nel videoclip del brano partecipano gli attori Salvo PiparoeEster Vinci. Nel 2019 escono i videoclip “Sogni Multimediali” e “Sgomito”, brani contenuti nell’album “Generazione Digitale”.

L’estate del 2019 è in tour in giro per la Sicilia dividendo il palco con Bianca Atzei (“Misilmeri FoodFest” Pa) e Frend De Palma (San Mauro Castelverde Pa). Il 15 Maggio esce il singolo “Star della provincia”, canzone che da una nuova veste al cantautore e che delinea  il percorso artistico per un nuovo album di inediti.

Mezz’ora | Il nuovo singolo di Kid Gamma

“MEZZ’ORA” il nuovo singolo di Kid Gamma in uscita il 12 febbraio 2021 in digitale e in radio.

Il brano dalle sonorità elettro-pop con influenze soul e r’n’b’, è la descrizione di unattesa: “si può restare in attesa di un amore, di un consiglio, di un gesto o anche semplicemente di una risposta che però può decidere la direzione che prenderà la nostra esistenza. Lattesa di qualcosa può amplificarne il desiderio. Aspettando possono crescere le aspettative, la voglia di mettersi in gioco e tutte le speranze per il futuro che presto o tardi realizzerà i nostri sogni più intimi”, racconta Kid Gamma.

Mezz'ora Kid Gamma

Gabriele Gallo, in arte Kid Gamma, cantante e beatmaker classe 2002, nato a Palermo. Dall’età di quattro anni si dedica agli studi del pianoforte, in seguito frequenta il conservatorio V. Bellini. Nel luglio 2012 è risultato vincitore della Young Talent Special Mention all’International Ibla Competition e nel maggio 2013 ha debuttato alla prestigiosa Carnegie Hall di New York e alla New York University, ricevendo consenso unanime e l’Audience Award, a soli undici anni ha debuttato al Teatro Politeama di Palermo come solista accompagnato dall’orchestra sinfonica siciliana. Dal 2016 si dedica alla produzione di musica elettronica, facendosi notare nella sua città sin da subito per le sue sonorità ricercate. Nel 2018 fonda un collettivo artistico che comprende diverse forme d’arte che spaziano dalla produzione/voce al graphic design/fotografia e video: MOP. Dalla fine di settembre 2020 entra a far parte del roster e management di GoMad Concerti ed il 30 Ottobre 2020 esce IPHONE il suo primo singolo, con riscontri positivi da media e pubblico. A febbraio 2021 è in programma l’uscita di Mezz’Ora, un brano che identificherà ancor di più il progetto musicale di Kid Gamma.

Da capo il nuovo singolo di Gero

Oggi 9 Febbraio 2021 esce il nuovo singolo “Da capo” del cantautore siciliano Gero,“un brano che racchiude in sé il potere delle piccole cose: gesti semplici e emozioni autentiche capaci di dare vita ad una vera e propria rivoluzione personale.”

Cambiamento, coraggio, emozioni, sono le parole chiave attraverso cui interpretare “Da capo”: “Il cambiamento è un’idea che spesso spaventa: e invece partendo proprio dalle piccole cose si può dare vita a una rivoluzione personale tutta positiva – spiega GERO -.  Le emozioni che non abbiamo il coraggio di esternare, quel bisogno di sentirsi gridare “sveglia!” quando ci arrendiamo al primo ostacolo, il bisogno dell’altro quando cadiamo. Piccole cose che se incastrate insieme riescono a scrivere pagine nuove nella vita di ognuno, riflessioni profonde ma necessarie. Mai credere che tutto sia vano perché alla fine “da capo si trasforma anche il dolore”.

 

GERO è un cantautore siciliano. Nel 2007 partecipa alla finale del Festival di Castrocaro (Rai Uno) e alla trasmissione televisive “Italia Ti canto” (Rai Due). A dicembre del 2009 pubblica il suo primo album di inediti “Guardando nel mio specchio” (distr. Majorfree) e va in tour con l’Orchestra Pop Siciliana. Dal 2012 al 2017 torna in studio e pubblica i suoi primi singoli del nuovo progetto discografico. Vince nel 2018 il Premio “Musica contro le mafie” e il Premio speciale “Polizia Moderna”.

Ad aprile 2019 si esibisce al Club Tenco di Sanremo e come ospite alla “Notte Bianca della Legalità” e “Palermo chiama Italia 2019”. A gennaio del 2020 pubblica il suo primo album di inediti “Un Anno In Più”. Nel corso degli anni GERO viene scelto come OpenAct di alcuni concerti di Ron e Francesco Tricarico.

Libertà, il nuovo singolo di Peppe Lana

Libertà-Peppe-lana

“Libertà”, il nuovo singolo di Peppe Lana in uscita oggi 5 Febbraio 2021 in digitale e radio.

Il primo estratto dal nuovo lavoro discografico del cantautore siciliano, dal titolo “Presente”, un album, realizzato con il contributo di Umberto Porcaro alle chitarre, Davide Femminino al basso e al contrabbasso e Emanuele Rinella alla batteria, in cui ogni canzone descrive un piccolo mondo fatto di incontri, sogni e suggestioni, dove si intrecciano storie, esperienze, rivelazioni e che vedrà la luce a fine 2021.

Copertina Libertà Peppe Lana

Peppe Lana è cantastorie, creatore di atmosfere, di silenzi, di spazi d’ascolto e queste sue peculiarità lo hanno spinto a fare una profonda riflessione sulla Libertà: Cos’è la libertà? In questo particolare momento di sospensione, appesi al filo di un futuro incerto, capita di sentire con sempre maggiore frequenza che qualcuno o qualcosa limita o opprime la nostra libertà. Cosa ci impedisce di essere liberi? È una riflessione che da un po’ mi accompagna, e accompagna le mie letture, i miei ascolti. Per quanto mi riguarda credo di aver capito che non mi sono sentito libero tutte le volte che mi sono lasciato sfuggire la consapevolezza di essere vivo, quando ho guardato solo ciò che c’era in superficie, non sono stato libero tutte le volte che ho vissuto di ansie e pensieri sul futuro e non mi sono abbandonato alla bellezza del presente, quando ho creduto di avere la verità in tasca, tutte le volte che sono stato preda dei condizionamenti, o quando ho mentito a me stesso; non sono libero se non sono in grado di agire, se non esercito la mia volontà, se non accolgo la responsabilità di affrontare le sfide del presente. Dalla necessità di fissare questi pochi e scomposti concetti nasce questo brano che vuole essere anche un piccolo invito a cercare dentro le soluzioni.”

Pillirina | Massimonero

Pillirina | Massimonero

“Pillirina” di MassimoNero in digitale, brano estratto dalla compilation contenuta in “Sound BoCS Diary” libro di lettura aumentata, in uscita a marzo in tutte le librerie, che conterrà racconti, fotografie, video e, appunto, una compilation di brani inediti creati, scritti, registrati e prodotti dai 10 artisti che sono stati ospiti della residenza artistica “Sound BoCs”, la prima Music Farm a sfondo civile mai realizzata in Europa.

Pillirina” è un riadattamento attuale ispirato all’omonima leggenda siciliana, una storia d’amore osteggiata per via delle differenze di ceto sociale e che vede sovrapporsi una storia di migrazione con aspettative di cambiamento e allo stesso tempo un senso di resa e rassegnazione disarmante. Nel brano prevale un forte senso di denuncia, un invito a raccontare sempre e ad allargare le proprie vedute per cambiare in primis noi stessi di modo che siano i nostri occhi a vedere un nuovo cambiamento.”

MassimoNero nasce a Catania, si trasferisce a Londra per acquisire conoscenza e ispirazione come musicista ed è stato durante questo periodo di apprendimento che è cresciuta la sua determinazione per iniziare il suo progetto musicale.

Mantiene comunque un forte legame con la sua terra natìa, scrivendo molti testi nella lingua che ritiene più rappresentativa per lui, il dialetto siciliano.

Tornato in patria nel 2016, ha co-fondato il “Mocta Landfill Studio“, una piccola sala incisione, dove registra il suo primo lavoro da solista nel 2018 e nel febbraio 2020 il suo primo EP “Malanova”.

“Sound BoCS Diary” uscirà in tutte le librerie a marzo 2021 (di AA.VV a cura di Gennaro de Rosa, edito da Musica contro le mafie, anno 2021) e sarà presentato a Casa Sanremo nella settimana del 71° Festival della Canzone Italiana. È stato creato dagli artisti residenti di “Sound BoCS”, progetto di residenza artistica innovativa e creativa a sfondo civile nel cuore della città di Cosenza (nato come incubatore di produzioni artistiche, supportato da “Perchicrea” di MIBACT e SIAE): “Sound BoCS è stato un esperimento sociale, tra il talent e il reality, ovviamente con le dovute differenze, in uno dei momenti più complicati per la musica e non solo, abbiamo puntato la massima attenzione al lato umano, lavorando sulla costruzione di quello che chiamiamo “NOI” con diversi corpi ma uguali nello spirito – racconta Gennaro De Rosa, Presidente e Direttore Artistico di Musica contro le mafie – Diversità che si sono fuse dando vita a qualcosa di diverso e di comune senza perdere la propria identità.”

Lina Lina | Il nuovo video de Le Matrioske

le-matrioske
Lina Lina è un canto dai toni licenziosi del repertorio dei tonnaroti siciliani.
 
Le Matrioske ne propongono una loro versione nella quale l’antica veste canora si intreccia ad inedite melodie.
 
Lina Lina augurava metaforicamente al Rais e alla sua ciurma di colmare le reti da pesca prima di far ritorno a casa.
 
Noi ci auguriamo, invece, che le sale ed i teatri possano tornare a riempirsi al più presto di musiche, canti, danze ed abbracci.
 
Evviva cu sona!
Evviva cu abballa!
 
Hey! 👋
Proprio voi 👉🏼
Sì, voi danzatori… 
Provate a ballarla come una chapelloise! 👣 👣
Lina Lina
(Trad. – Arrang. R. Miano, V. Maiorana, F. Piras, S. Ferrigno, A. Putzu)
Audio Recordings:
Ciccio Piras
Mixing, Mastering, Video Production:
Recraft Studio di Raffaele Pullara
 
Le Matrioske sono:
Ciccio Piras_chitarra, organetto, voce, cassa
Virginia Maiorana_fisarmonica, voce
Antonio Putzu_friscalettu, zampogna a paru, clarinetto, sax soprano, voce
Simona Ferrigno_tamburi a cornice, percussioni, marranzano voce, danze

“Mangiafuoco” | Il nuovo singolo dei Tintinnabula

Tintinnabula

“Mangiafuoco” è il nuovo singolo dei Tintinnabula, band siciliana composta da Nino Leone (voce), Peppe Calandrino (chitarra), Gianni Giacalone (tastiere),Giuseppe Giacalone (basso) e Gaetano Denaro (batteria), in uscita in digitale e in radio a partire dal 5 febbraio.

La band fornisce la chiave di lettura del brano attraverso il videoclip, diretto da Salvino Martinciglio (in collaborazione con Teatro Equestre EQUUS di Giuseppe Cimarosa e TLS Service), che uscirà in contemporanea al singolo: “Ci siamo chiesti: chi è Mangiafuoco? Da dove viene? Nessuna delle risposte è stata chiarificatrice del personaggio, sia quello che lo vede protagonista in Alexej Tolstoj, che nella storia di Collodi. Coraggiosamente ci siamo spinti oltre e abbiamo immaginato Mangiafuoco come capro espiatorio di tutti i peccati, assoggettato a un deus ex machina che rende lui un burattino nelle mani di un destino crudele racconta il regista del videoclip -. Egli è dissoluto, non per volontà ma per sorte, è quanto di peggio l’essere umano possa mettere in pratica, l’imbroglio, la menzogna, il tradimento, l’abuso sessuale, il tutto portato a termine con l’assoggettamento della vittima, con un uso della psicologia di un narcisista. Il suo compito è quello di attirare a sè le sue cavie con il sorriso, in un atto di simpatia, una carezza per poi fagocitarle in quell’antro oscuro che la sua anima nasconde.”

Nel video viene rappresentato l’ultimo atto della tragedia del personaggio, il suo viaggio da una sponda del mondo reale all’immondo che lo attende.

Mangiafuoco non può sottrarsi al viaggio, al passaggio obbligato, divenendo alla fine un tutt’uno con il circo diabolico che egli stesso ha forgiato: “tutte le persone che ha depredato della dignità umana sono in quel cerchio pirico, per la condanna eterna, il contrappasso dantesco per antonomasia. Abbiamo voluto questa transustanziazione nell’elemento naturale che è in netta contrapposizione con il rigore del fuoco: l’acqua. In questo caso ciò che dovrebbe ristorare rende ancor più difficoltoso il viaggio quasi affogando il protagonista che troverà liberazione nella fornace dell’epilogo.

Ogni singolo personaggio del video ha un nesso simbolico, conclude il regista: “lo sciamano capace di incantare e di compiere il viaggio dell’anima lungo i sentieri oscuri della morte, che getta il denaro nel fuoco a sua volta simbolo della nostra perduta umanità, ciò per cui abbiamo barattato la nostra esistenza; la vecchia sposa con l’orsacchiotto, a dimostrazione di quanto grottesca possa essere la perdita della gioia di vivere di una bambina violentata. Il cavallo bianco che è l’anima.”

 L’autore del brano è Antonino Leone, composto dai Tintinnabula. Registrato al PureSound di Giuseppe Denaro – Mazara del Vallo (Tp). Il Mix & Mastering sono a cura di Angelo Emanuele Buccolieri. Al brano ha partecipato Giuseppe Cataldo al violino.

“Niente non rimane niente” | Salvatore Maria Ruisi

Salvatore Maria Ruisi

“Niente non rimane niente”, secondo singolo estratto dall’album d’esordio del cantautore siciliano Salvatore Maria Ruisi.

A partire dal 15 Gennaio 2021 in digitale e in radio “Niente non rimane niente”, secondo singolo estratto dall’album d’esordio del cantautore siciliano Salvatore Maria Ruisi, in uscita in primavera.

Il 22 gennaio sarà online anche il videoclip, girato da Alessandro Giglio, art director di Adduma.

Il videoclip rappresenta una festa che si svolge al contrario, dal momento clou della torta alle varie fasi di preparazione.

Il cantautore, circondato da amici e parenti, canta in primo piano il brano fino a rimanere solo nella stanza ad enfatizzare il concetto che “niente non rimane niente.”

Il brano, prodotto da Fabio Rizzo e Donato Di Trapani e inciso presso lo studio di registrazione di Palermo INDIGO STUDIOS, è stato presentato ad Area Sanremo nel 2018 e ha permesso a Ruisi di arrivare alla finalissima che si è svolta nel Teatro Casinò di Sanremo: “è una canzone in cui racconto – spiega il cantautore siciliano – il tempo che scivola via e che si porta via ogni fase della vita. Non rimarrà niente, soltanto l’amore vero, sincero e incondizionato di un compagno, di un genitore, di un figlio, di un fratello, di un amico o di chiunque sia ancora vivo dentro di noi.” 

 

Salvatore Maria Ruisi, siciliano, con la sua aria da chansonnier europeo e un innato bisogno di trasformare la vita e le esperienze in narrazione, ha affidato agli strumenti tipici della tradizione folk, chitarra e armonica, il suo racconto intimo e una certa visione nostalgica del tempo che passa.

Affascinato dal potere evocativo delle parole, si cimenta nella scrittura di piccole poesie che successivamente diventeranno i primi testi per le sue canzoni fin da bambino. Calca il palco dall’età di 15 anni quando, partito per l’Irlanda, si ritrova con gli ultimi 30 euro in tasca a comprare una chitarra classica di seconda mano per pagarsi la permanenza e un biglietto di ritorno per l’Italia. 

La consapevolezza artistica viene raggiunta nel periodo universitario, che lo porta a vivere fuori dalla Sicilia, a Pisa. In quel periodo, musica e parole, oltre allo studio, diventano per lui un impegno quotidiano.

I primi brani prendono forma e così anche le prime apparizioni in pubblico, è infatti ospite di vari festival e manifestazioni. Nel febbraio 2014 partecipa al Premio Buscaglione a Torino, viene selezionato tra gli artisti a partecipare ad un contest interno per giovani cantautori nominato “Notte rossa Barbera”, aggiudicandosi la prima posizione. 

Nel 2018 presenta un suo inedito al concorso Area Sanremo e si esibisce al Casinò di Sanremo nella finalissima. Pubblicato il primo singolo e video “Mondo Capovolto”,sempre nel 2018 è citato sul periodico nazionale Classic Rock tra gli artisti emergenti di maggior interesse del 2018.

Pin It on Pinterest