Palazzo Abatellis | Galleria Regionale Sicilia

palazzo-abatellis

Palazzo Abatellis, grandiosa dimora tardo-quattrocentesca e splendida dimora in stile gotico-catalano di Francesco Patella o Abatellis.

Francesco Abatellis fu maestro portolano del regno e pretore della città, il quale commissionò i lavori di costruzione all’architetto Matteo Carnalivari.

Alla sua morte, il palazzo divenne convento benedettino e sul lato nord-orientale venne costruita una piccola cappella rettangolare con volte a crociera.

Nei secoli successivi vi furono apportati diversi cambiamenti ed ampliamenti.

palazzo-abatellis-palermoIl palazzo si presenta disposto attorno ad un ampio atrio con un lato porticato.

Dal 1953 è sede della Galleria Regionale della Sicilia, dove sono esposte opere di artisti siciliani medievali, croci tardo-medievali, vasi e manufatti di epoca araba, pitture del sei e settecento.

Sicuramente, le opere d’arte di maggior rilievo sono: lo splendido affresco del “Trionfo della Morte” di ignoto, realizzato nel XV secolo, ritenuto un capolavoro dell’arte pittorica di quel periodo; il delicatissimo busto di Eleonora d’Aragona eseguito da Francesco Laurana; l’intensa “Annunziata” di Antonello da Messina dipinta nel 1473, considerata una autentica “icona” del rinascimento italiano, etc.

Fonte Comune di Palermo

Cantieri culturali alla Zisa | Palermo

cantieri-culturali-alla-zisa

Le ex Officine Ducrot si trovano alle spalle del Castello della Zisa, e contengono ventitre capannoni: esempi interessantissimi di archeologia industriale, con una naturale vocazione a diventare una straordinaria cittadella della cultura, sull’esempio di analoghi luoghi di lavoro obsoleti.

Qui furono realizzati i mobili liberty tra i più belli d’Europa, disegnati da Ernesto Basile, come gli arredi di Montecitorio e delle grandi navi da crociera dei Florio.

Negli anni ’90 dall’amministrazione “Orlando” sono stati recuperati e ristrutturati tutti gli spazi a centri di cultura, espositivi e teatrali.

Oggi quest’area è utilizzata come spazio espositivo per eventi teatrali, musicali e iniziative culturali di ogni genere.

L’area attualmente ospita la sede del “Centre Culturel Francais de Palerme et de Sicile“, il centro culturale tedesco Goethe-Institut, l’Istituto Gramsci Siciliano (con la relativa biblioteca) e la sede palermitana della Scuola Nazionale di Cinema appartenente al Centro Sperimentale di Cinematografia.

Dal 2012 è sede anche di ZAC_ Zisa Zona Arti Contemporanee, nonché del cinema De Seta, cinema pubblico intitolato a Vittorio De Seta, illustre regista italiano, nato a Palermo.

cantieri-zisa-palermoLa Zisa Zona Arti Contemporanee, padiglione dei Cantieri Culturali alla Zisa concepito molti anni fa come sede del Museo d’Arte Contemporanea della Città di Palermo, apre con una idea/progetto più aderente al momento storico attuale della cultura nel Paese: non un Museo tradizionale ma un luogo dai confini aperti e costantemente in definizione, una Zona appunto, com’è il territorio stesso della creatività attuale con l’ambizione di divenire il centro di produzione culturale della Città di Palermo per le arti contemporanee. 

Fonte Comune di Palermo