Il Giro d’Italia

Il Giro d'Italia

La 103a Edizione del Giro d’Italia è alle porte!

La partenza è prevista il 3 Ottobre 2020 e toccherà diverse cittadine siciliane.

La prima volta che il Giro d’Italia si è svolto in Sicilia, risale a novant’anni fa, il 17 maggio 1930, con la tappa Messina-Catania.

1a Tappa 3 Ottobre 2020 
Monreale/Palermo Tissot di 15,1 Km

2a Tappa 4 Ottobre 2020
Alcamo/Agrigento di 149 km

3a Tappa 5 Ottobre 2020
Enna/Etna (Linguaglossa-Piana Provenzana) di 150 Km

4a Tappa 6 Ottobre 2020
Catania/Villafranca Tirrena di 140 Km

Da qui prosegue per tutta lìItalia fino al 25 Ottobre 2020!

La Targa Florio

La cursa“, inventata e fortemente voluta da Vincenzo Florio resta ancora oggi una delle corse siciliane più famose.

Dal 1906 al 1977 denominata “gara di velocità” e dal 1978 come gara rallistica.

La Targa Florio è una delle più antiche corse automobilistiche al mondo e insieme alla “Millemiglia” è anche la più famosa corsa stradale italiana.

Fin dalla sua prima volta, è sempre stata percorsa in strade siciliane e sin da subito nelle tortuose vie delle Madonie, entrando nella leggenda per le enormi difficoltà insite nella durezza del tracciato al punto che, specialmente nei primi anni, anche il solo riuscire a completare la corsa significava compiere un’impresa titanica.

Hanno corso e vinto sullo storico “Circuito delle Madonie” piloti del calibro di Albert Divo, Achille Varzi, Tazio Nuvolari, Stirling Moss, Vic Elford, Graham Hill e Nino Vaccarella e tanti altri.

La Targa Florio si svolgerà anche quest’anno in Sicilia, dal 15 al 18 Ottobre 2020 e prenderà il via dal capoluogo siciliano.

Il programma della Targa Florio Classica 2020

15 Ottobre 2020
Verifiche delle autovetture e incontro con il direttore di gara.

16 Ottobre 2020 1a Tappa
Palermo – Marsala “Sulle strade delle saline”
Marsala – Palermo “Sulle strade di Garibaldi”

17 Ottobre 2020 2a Tappa
Il circuito delle Madonie

18 Ottobre 2020
Tour di Palermo. Rievocazione del Circuito della Favorita
Premiazione

Festival delle Filosofie 2020

Logo Festival delle Filosofie

Prende il via la terza edizione del Festival delle Filosofie a Palermo. “Ecosofie” è interamente dedicata all’ecosostenibilità ambientale.

Organizzato dall’Associazione Lympha in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Umanistiche del’Università degli Studi di Palermo, Wish, BIAS, l’officina di Studi medievali, il Museo delle Spartenze si articola in eventi che si svolgeranno dal 3 al 31 Ottobre 2020, alcuni dedicati a seminari e masterclass con relazioni rese da filosofi, esperti e studiosi di fama nazionale e internazionale, mentre altri eventi saranno dedicati a proiezioni di film e presentazione di libri.

Ecosofie si svolge in location fortemente volute, come l’Orto Botanico, Palazzo Steri, Villa Filippina, per potenziare la fruizione dei siti culturali della città di Palermo e della Sicilia.

Per accedere agli eventi programmati, sarà necessario iscriversi tramite il sito Festival delle Filosofie, a partire dal 28 Settembre 2020.

I docenti di scuola secondaria di primo e secondo grado di tutto il territorio nazionale che si iscriveranno al Festival delle Filosofie di Palermo 2020 e parteciperanno agli incontri per un numero di ore non inferiore a 24, avranno diritto alla certificazione e al riconoscimento dell’attività formativa da parte del MIUR.

Per iscriversi occorre collegarsi con le proprie credenziali alla piattaforma Sofia.

Nome iniziativa: Ecosofie-Festival delle Filosofie di Palermo 2020 – Codice Iniziativa 48823

Orto-Salinas Il biglietto unico

salinas

Per la prima volta, un biglietto unico integrato dei siti culturali della città! A fare il primo passo Il Museo Salinas e l’Orto Botanico di Palermo.

Grazie alla collaborazione con CoopCulture che gestisce i servizi integrati di entrambi i siti si è potuto raggiungere un importante traguardo, che offre al cittadino e al turista una opportunità culturale.

Non solo risparmio, ma un modo diverso di approfondire la visita con supporti tecnologici nuovi. Sarà infatti disponibile all’Orto Botanico un’App che racconta lo spazio, il grande polmone verde della città.

Il biglietto unico costa €10,00 (anziché €12,00) e include la App per la visita dell’Orto botanico (il cui costo è di € 2,90) ed avrà la durata di due giorni dall’emissione.

“L’accordo – sottolinea l’assessore regionale ai Beni culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà – per la prima volta sancisce una collaborazione stabile tra Assessorato e Università nel campo della fruizione dei beni culturali. È il momento di attivare tutte le iniziative e le misure possibili per far ripartire concretamente la cultura soprattutto in una città, come Palermo, che in questo momento sembra vivere una situazione di affanno e di stasi sotto il profilo della proposta culturale. Riuscire a mettere a rete i luoghi della cultura e offrire al visitatore sempre maggiori opportunità di scelta è tra le priorità della nostra agenda”.

Banner- iscriviti-alla-newsletter

City Sightseeing Palermo

Ripartono domani, venerdì 17 luglio, i tour della City Sightseeing Palermo (www.city-sightseeing.it) che avvia così la nuova fase del post-lockdown puntando sui tradizionali giri di città con i caratteristici bus open top a due piani, con la massima attenzione e rispetto delle indicazioni sanitarie.

La City-Sightseeing Palermo ha deciso di proporre nuove formule dedicate sia ai residenti sia ai visitatori provenienti da tutta la Sicilia, e non solo, in visita a Palermo.

Intanto, il ticket giornaliero avrà una durata raddoppiata e dunque sarà valido per due giorni consecutivi.

Per i cittadini palermitani, inoltre, all’insegna dello slogan “Fai il turista nella tua città”, City-Sightseeing Palermo offre l’opportunità di conoscere meglio la propria città, proponendo un tour serale con una tariffa assolutamente promozionale e lancia dunque un biglietto dedicato a 5 euro.

“Vogliamo essere soggetto attivo della ripresa turistica della Città – dice Tommaso Randazzo, amministratore delegato di City-Sightseeing Palermo – e collaborare con la Pubblica Amministrazione, con i colleghi operatori del settore turistico ed essere anche un vettore culturale per i nostri concittadini. Dopo il lockdown desideriamo ‘riaprire i battenti’ e riprendere la nostra attività stimolando tutti a conoscere ed apprezzare sempre di più Palermo, città piena di storia, cultura e tradizioni da noi sempre amata e non sempre conosciuta. Questa iniziativa va in questa direzione essendo da sempre il nostro modo di fare impresa. Vi aspettiamo, quindi, – ha concluso Randazzo – a bordo dei nostri bus per scoprire la città da un alto punto di vista!”
“L’invito a fare il turista a Palermo – sottolinea Toti Piscopo, presidente Skal Palermo – è lo stesso che rivolgiamo all’assessore ai Beni culturali perché rilanci l’idea di “Fai il turista nella tua Regione” per incentivare un movimento turistico di prossimità fra i siciliani che potranno fare così i turisti nella loro Sicilia e riscoprire non solo i siti archeologici ma anche i luoghi in cui vive l’identità siciliana”. (Fonte: https://travelnostop.com/sicilia/turismo)

ReOpening Museo Diocesano Palermo

Museo Diocesano di Palermo

Riapre il Museo Diocesano di Palermo con una mostra sull’arte barocca

Il giorno 10 luglio 2020 sarà riaperto al pubblico il Museo Diocesano di Palermo con la mostra “Architetture barocche in argento e corallo”,  ideata e coordinata da Rosalba Panvini e Salvatore Rizzo per la Soprintendenza ai BBCCAA di Catania con la collaborazione della Soprintendenza ai BBCCAA di Palermo diretta da Lina Bellanca.
La mostra, già messa in opera al Castello Ursino di Catania, si propone con nuovi allestimento, percorso e opere nei saloni del piano nobile del Palazzo Arcivescovile di Palermo, sede del Museo Diocesano fino al 10 ottobre 2020.
L’esposizione transita a Palermo per volontà del comitato promotore di cui fanno parte anche l’Arcidiocesi di Palermo con l’Arcivescovo mons. Corrado Lorefice, la Presidenza della Regione Siciliana con il Presidente Nello Musumeci, l’Assessorato regionale ai BB.CC. guidato da Alberto Samonà, la Soprintendenza di Catania, di Palermo, l’Ufficio BB.CC.EE. di Palermo diretto da mons. Giuseppe Bucaro e il Museo Diocesano di Palermo, diretto da mons. Giuseppe Randazzo.
Ideata, diretta e coordinata da Rosalba Panvini e Salvatore Rizzo, dispiega in undici sale del Museo una carrellata di straordinari paliotti architettonici barocchi in argento, sete e corallo, suddivisi per temi, con il corredo di pannelli didattici esplicativi e con un allestimento, curato da Salvatore Rizzo e Angelo Bruccheri, che trasfigura i saloni del palazzo rivestendoli interamente di nero, consentendo così ai paliotti di splendere nelle loro vetrine opportunamente illuminate e al pubblico di percepirne al massimo la definizione più minuta, limitando al massimo i riflessi.
Le fastose opere, poste sul fronte degli altari nelle occasioni di solenni festeggiamenti, ripropongono il tema della bellezza nel sacro, rammentando le eccellenti capacità degli artisti e delle maestranze siciliane nell’ambito delle arti decorative.

Orari apertura Museo Diocesano di Palermo

Da martedì a venerdì, domenica e festivi: ore 9,30-13,30
Sabato ore 10.00-18.00 (ultimo ingresso 30 minuti prima)
Non è necessaria la prenotazione per i singoli visitatori, ma si potrebbe verificare un certo tempo di attesa per le norme di precauzione sanitaria anti Covid-19. (Fonte:Museo Diocesano Palermo)

Palazzo Abatellis | Nuove modalità d’ingresso

palazzo-abatellis

Dal 9 Giugno 2020 sarà possibile accedere alla Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, come agli altri siti siciliani della cultura, previa prenotazione obbligatoria al seguente link selezionando il giorno e la fascia oraria prescelta.

L’acquisto del biglietto di ingresso avverrà in loco o, per i gruppi organizzati, con bonifico bancario.

Per eventuali informazioni potrete contattare la nostra biglietteria al numero 0916230047.

Gli ingressi saranno consentiti (sempre previa riserva online) per le fasce orarie previste sul sito di prenotazione.
Si ricorda di portare la mascherina e mantenere la distanza di  sicurezza di almeno un metro dalle altre persone.
La visita avverrà secondo un percorso prestabilito che vi sarà indicato dal nostro personale.

Apertura Orto Botanico Palermo

orto-botanico

Finalmente si potrà tornare a godere del nostro meraviglioso giardino in città, l’Orto Botanico.

Dal 2 giugno anche l’Orto Botanico RIPARTE!

L’apertura sarà tutti i giorni dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00 (nella pausa giornaliera durante le ore più calde, sarà effettuata la sanificazione degli spazi).

Per tutto il mese di Giugno il biglietto costerà 4 euro , per una famiglia di due adulti e fino a tre bambini sotto i 12 anni, 8 euro , resta invariato il biglietto di 3 euro per i bambini tra 6 e 12 anni, gli ultrasettantenni e gli studenti sotto i 25 anni, gli insegnanti e gli enti convenzionati. La prenotazione può essere fatta online e presto anche direttamente in loco.

Per la visita sono state predisposte misure sanitarie e norme comportamentali per poter permettere a tutti di vivere un’esperienza piacevole e in totale sicurezza, tutelando la propria salute: gli ingressi saranno contingentati, all’interno non potranno esserci più di 200 persone per volta.

Parco Letterario Salvatore Quasimodo

parco-letterario-quasimodo

Sabato 30 Maggio 2020 il Parco Letterario “Salvatore Quasimodo” riapre al pubblico!

Il Parco Letterario “Salvatore Quasimodo” opera dal 1998.

Tappa fondamentale, che ne ha sancito il riconoscimento ufficiale da parte della Comunità Europea,  è stata la partecipazione al concorso di idee “Sovvenzione Globale Parchi Letterari” all’interno del quale è risultato fra i 16 vincitori, e da quel momento in poi si è operato nell’intento di agganciare all’interesse culturale per la figura e l’opera del poeta un interesse turistico per i luoghi.

L’idea di base è stata quella di utilizzare la fonte letteraria come codice di lettura del territorio, per scoprirne e valorizzarne i diversi aspetti che ne configurano l’identità: da quello culturale e storico a quello naturalistico, da quello antropologico a quello eno-gastronomico.

Negli anni Roccalumera è divenuto sempre più luogo di vita e di ispirazione per Salvatore Quasimodo.

Case, la spiaggia, stradine, ma anche paesaggi raccontati nel testo poetico, diventano un patrimonio culturale ed ambientale da proteggere, valorizzare e da rendere sempre più fruibile ai visitatori attraverso percorsi sensoriali tesi a far rivivere il ricordo del  letterato e far provare, gustare, sentire, toccare ed osservare tutto ciò che ha portato l’autore a scrivere pagine storiche della letteratura.

Tutte le iniziative del Parco vogliono recuperare e valorizzare l’identità, la cultura, la storia e le tradizioni locali, svolgere programmi finalizzati alla diffusione ed alla conoscenza della letteratura, delle arti figurative e dello spettacolo,  promuovere studi, ricerche, convegni, pubblicazioni, mostre, spettacoli di particolare interesse.

Oggi il Parco  è gestito dal ”Club Amici di Quasimodo” che ha sede in Roccalumera e sezioni in tutti i comuni quasimodiani: Modica, Patti, Firenze, Milano, Como  nonché una sezione Internazionale a Vienna. (Fonte: www.parcoquasimodo.it)