albergo-delle-povere

Albergo delle Povere | Palermo

L’albergo delle povere fu fondato nel 1733, sotto il regno di Carlo III di Borbone, con lo scopo di accogliere i poveri inabili, storpi e le giovani vagabonde ed orfane.

Progettato dall’architetto Orazio Furetto, i lavori iniziarono nel 1746 e solo nel 1772 fu completato dagli architetti Venanzio Marvuglia e Nicolo Di Puglia.

In occasione dell’inaugurazione, avvenuta l’8 agosto del 1772 tutti i nobili, il clero, le autorità, in processione accompagnarono nell’edificio, un gruppo di derelitti, poveri, anziani, donne e bambini per dimostrare la grande generosità del Re e dei nobili.

Albergo delle Povere PalermoNel progetto iniziale l’edificio rispecchiava lo stile architettonico del tardo Barocco, ma dato che i lavori si protrassero per molti anni, lo stile Barocco subì l’influenza dello stile Neoclassico che, nel frattempo, era arrivato a Palermo, anche la Chiesa, posta al centro dell’edificio, che doveva essere a pianto ottagonale, fu trasformata in pianta rettangolare e risentì, sia all’esterno che all’interno, dello stile Neoclassico che presenta linee più sobrie e ornamenti più semplici.

Anche il maestoso prospetto dell’edificio è la sintesi dei due stili che in Sicilia si fusero e si trasformarono, grazie alla fantasia e alla personalità di architetti e maestranze molto vivaci e originali.

Nell’edificio furono impiantate fabbriche e laboratori di seta e pasta, che diedero lavoro ai giovani ricoverati ridando ad essi quella dignità e quel benessere che solo il lavoro può dare.

In particolare l’albergo diventò una fucina di lavoro e di accoglienza per i più diseredati della città, quando fu diretto dal Principe Palagonia che introdusse altre fabbriche, un panificio ed un mulino, organizzò un gruppo di suore per l’assistenza agli infermi e trasformò l’edificio in un centro vitale di accoglienza e recupero delle donne e dei fanciulli sfortunati della Palermo dei primi dell’800.

Oggi una parte dell’edificio ospita ancora anziane povere amorevolmente assistite dalle Suore della Carità. Un’altra parte è adibita a mostre e saloni di rappresentanza mentre un’altra parte è proprietà della Sovraintendenza ai Beni Culturali.

Fonte Comune di Palermo